Il bisogno di riconoscimento

Metamedicina e Dintorni, News

7

https://youtube.com/live/q_lPe3pb7J4

Oggi parliamo del bisogno di riconoscimento, un tema complesso che riguarda diversi aspetti della nostra vita. Il bisogno di riconoscimento si manifesta in molteplici forme: può essere un riconoscimento economico, affettivo o altro ancora. Questo bisogno è profondamente legato al desiderio di essere amati e accettati. Ciò che succede è che spesso siamo condizionati da sentimenti di inadeguatezza, svalutazione o ingiustizia, che ci impediscono di godere appieno del riconoscimento che riceviamo e ci fanno temere di deludere.

Ho avuto modo di parlare con persone realizzate sul lavoro, ma che tuttavia nutrono un senso di inadeguatezza o svalutazione. Questo dimostra quanto sia diffuso il tema del merito e dell’ingiustizia nella nostra società.

Desideriamo ottenere il riconoscimento, ma spesso abbiamo paura di riceverlo o vergogna di averlo ricevuto. Ci troviamo in un limbo tra il desiderio di essere riconosciuti e la paura di deludere le aspettative degli altri o di perderlo.

La chiave per superare questo circolo vizioso è riconoscere i sentimenti che ci abitano e comprendere quali ferite emotive li alimentano. È importante liberarci da questi sentimenti di inadeguatezza, svalutazione e ingiustizia per poter vivere appieno senza il timore costante di deludere gli altri o perdere il nostro valore.

Vivere secondo la propria natura significa accettarsi e rispettarsi per quello che si è veramente, senza cercare il costante riconoscimento dagli altri. È un processo di liberazione che ci permette di contribuire al mondo con la nostra unicità e autenticità.

Un esercizio utile è prendere consapevolezza delle etichette che ci siamo auto-imposti o che ci sono state attribuite, per poi riconsiderarle senza giudizio e capire quali caratteristiche rispecchiano veramente la nostra natura.

Se decido di lavorare sulla ferita, smetto di nutrire l’ ego e passo da uno stato di dipendenza a uno stato di amore incondizionato verso me stesso.

Fatevi una camminata in natura e osservate:

niente in natura chiede di essere diverso da quello che è!

E se noi riusciamo a vivere su questa terra è solo perché la natura funziona: ci fornisce ossigeno, ci dà acqua, ci nutre costantemente. È innegabile e indubitabile che questo sia un sistema che funziona.

Il pino fa il pino, la quercia fa la quercia, la carota fa la carota. Mantenendo e rispettando la propria natura, scambiando con l’esterno, contribuiamo alla nostra sopravvivenza e al nutrimento di un sé superiore.

Alla fine, tutti aspiriamo ad essere ciò che siamo, e invece ci adattiamo a un’idea di noi che pensiamo possa essere accettata dagli altri. È un’assurdità. È ora di toglierci le maschere.

Più mi rispetto, più conosco e accetto la mia natura, più la rispetto. Meno bisogno avrò di persone che mi riconoscano, di darmi valore con delle maschere. E’ ora di smettere di creare e nutrire relazioni di dipendenza che possono al massimo darmi briciole di amore condizionato. Siamo qui per molto di più.

A tutti i portatori di senso di inadeguatezza, di non essere abbastanza, di non meritare, di svalutazione: è ora di lavorarci su, sganciare queste dinamiche sabotanti e portare la vostra meraviglia nel mondo, con autenticità e unicità.

Written-by-Alexandra-Francesca-D'Alessandro-Author

Scritto da Alexandra Francesca D’Alessandro

Alexandra Francesca D’Alessandro è una Metamedicina® International Consultant, Co-founder di Ciclika – The Joy of Being a Woman, Business Mentor, Trainer e Autrice. Con anni di esperienza nel campo della crescita personale e del benessere olistico, Alexandra offre consulenze specializzate per aiutare le persone a comprendere e risolvere i propri disagi fisici ed emotivi attraverso un approccio integrativo. La sua missione è supportare il benessere individuale e promuovere l’evoluzione personale. Scopri di più

Come posso aiutarti?
Prenota una sessione conoscitiva individuale

Leggi anche…

Metamedicina® per Mamma e Bambino

Quando un bambino si ammala o assume comportamenti “difficili”, è probabile che stia vivendo una disarmonia a livello emozionale. Secondo una visione olistica, la malattia non è un nemico da combattere ma rappresenta lo sforzo del nostro organismo per adattarsi a una...

leggi tutto

Metamedicina® per la gravidanza

Come stai vivendo la gravidanza? Spesso sentiamo che nel primo trimestre è facile soffrire di nausea, nel secondo di mal di schiena o bruciore di stomaco, e nel terzo di edemi e cattiva circolazione. Ma è davvero tutto così “normale”? Ed è normale cercare di...

leggi tutto

La sofferenza: che cosa è, come se ne esce

Parliamo di sofferenza, e lo facciamo per comprenderla davvero, capire cosa sia, a cosa serve, come la nutriamo e soprattutto come uscirne, come attraversarla, come affrancarci dalla sofferenza. Quante persone danno per scontato che la vita sia sofferenza? o quante...

leggi tutto